Chi siamo

  • L’ USI è l’unione dei diversi gruppi che pur preservando la propria autonomia e libertà d’azione, si aggregano sommando esperienze, aderiscono ad un’organizzazione ed hanno come obbiettivo il permanente perfezionamento e l’intensificazione delle attività.  Ha come punto di partenza l’unione fraterna, solidale, volontaria, cosciente ed operativa degli Spiritisti attraverso la condivisione di informazioni ed esperienze, l’aiuto reciproco ed il lavoro.

USI Logo X

  • Il lavoro federativo di Unificazione è un’attività-mezzo che ha l’obbiettivo di fortificare, facilitare, ampliare e perfezionare l’azione del Movimento Spiritico nella sua attività-scopo, che è quello di promuovere lo studio, la diffusione e la pratica della Dottrina.
  • Organo Promotore e Coordinatore dell’Unione delle Istituzioni Spiritiche Italiane gestita da uno Statuto e dalla legislazione italiana ad essa pertinente.
  • L’ USI è un’associazione apolitica e senza fini di lucro e svolge attività culturale a favore degli associati e di terzi.

 SEDE

La sede legale del USI è affidata alla dimora del suo presidente in carico, in questa sede saranno localizzati  gli archivi della documentazione dell’“U.S.I.”.

FINALITÀ ED  OBIETTIVI

  • Diffondere lo Studio e la Pratica della Dottrina Spiritica in Italia.
  • Incentivare, aiutare ed orientare la formazione di nuovi gruppi.
  • Promuovere Incontri, Corsi e Conferenze. Realizzare riunioni, ed altri eventi destinati a dirigenti e lavoratori spiritici, per rinnovare e attualizzare le conoscenze dottrinarie ed amministrative, verificando che la dottrina spiritica sia di volta in volta più conosciuta e meglio praticata.
  • Realizzare un permanente contatto con i gruppi Spiritici, con l’intento dell’unione e dell’integrazione, mettendo a diposizione degli stessi suggerimenti, esperienze, lavori e programmi di appoggio necessari per le loro attività. Promuovendo l’unione solidale e fraterna delle Istituzioni Spiritiche in Italia e l’unificazione del Movimento Spiritico Nazionale.
  • Orientare e promuovere in tutte le forme legali possibili; l’organizzazione di convegni, riunioni, incontri, giornate di studio, contatti con altre Istituzioni (nazionali e/o estere), pubblicazioni, per la diffusione della Dottrina Spiritica in Italia, secondo questi tre aspetti: scientifico, filosofico, etico-morale.
  • Promuovere la pratica della carità spirituale, etica morale, materiale e sociale, alla luce della dottrina spiritica.
  • Appoggiare  ed incentivare la formazione di nuove Istituzioni Spiritiche in Italia
  • Collaborare con i Gruppi  e/o  Istituzioni Spiritiche, quando richiesto, per  l’impostazione delle loro attività dottrinarie, amministrative, di unificazione ed altro, offrendo materiale  di  studio, risorse umane e quanto altro necessario.
  • Rappresentare ufficialmente il Movimento Spiritico Italiano in tutte le attività e riunioni del Consiglio Spiritico Internazionale.
  • Le finalità e gli obiettivi dell’”U.S.I.”, si basano sulla Dottrina Spiritica codificata da Allan  Kardec, a partire dalla pubblicazione del “Il Libro degli Spiriti”, in Parigi, il 18 aprile 1857, e nelle opere che, seguendone le direttrici, ne sono complementari e sussidiarie.
  • Divulgare, sostenere e diffondere le campagne informative così come incentivare il lavoro in gruppo puntando ad individualizzare i problemi, le difficoltà e le necessità dei gruppi, aiutando quando è necessario.
  • Realizzare servizi di assistenza e promozione sociale.

CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da 5 a 9 membri, nominati dall’Assemblea; esso dura in carica 3 esercizi e i suoi componenti sono rieleggibili. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei presenti e maggioranza di voti.

DIRITTI E DOVERI DEI GRUPPI AFFILIATI  

Diritti:

  • Essere informati su tutte le attività ed iniziative dell’Associazione.
  • Ricevere materiale ed orientamenti dall’”U.S.I.”, per migliorare le proprie attività, sempre previa richiesta da parte dell’Istituzione.
  • Partecipare con diritto di voto alle assemblee.
  • Essere eletti nelle cariche sociali.
  • Indicare temi per eventuali discussioni nelle riunioni.
  • Svolgere le attività comunemente concordate.

Doveri:

  • Rispettare i fondamenti spirituali e culturali della Dottrina Spiritica, secondo la codificazione di Allan Kardec, collaborando per la realizzazione degli obiettivi dell’ “U.S.I.”.
  • Partecipare agli eventi,  riunioni e assemblee dell’ “U.S.I.”.
  • Rispettare lo Statuto di questo organo Federale e gli eventuali regolamenti correlati.
  • Contribuire economicamente al mantenimento delle attività dell’ “U.S.I.”, con il versamento della quota annuale.

L’UNIFICAZIONE e IL MOVIMENTO  SPIRITICO.

Emmanuel ci insegna:

Mettersi al lavoro dell’UNIFICAZIONE DEGLI ORGANI DOTTRINARI SPIRITICI

 (…) è prestare rilevante servizio alla causa del Vangelo Redentore all’umanità. Riunire elementi dispersi, concatenare e strutturare il piano d’azione, l’ordine superiore che ci guida l’idealismo, è servizio di indiscutibile benevolenza perché esige sacrifici personali, preghiera e vigilanza nella fede rinnovata e soprattutto nell’elevata capacità di rinuncia.

Il grande proposito della dottrina Spiritica è quello di edificare il miglioramento morale dell’umanità.

L’unificazione è di vitale importanza per la diffusione della dottrina spiritica, poiché unisce gli spiritisti a livello mondiale.

E’ caratterizzata per offrire senza compensi o esigenze, aiutare senza condizionare, esporre senza imporre e unire senza togliere iniziative, preservando i valori e le caratteristiche individuali tanto dei singoli quanto dei gruppi .

Il Gruppo Spiritico: Integrazione e Responsabilità fronte al Movimento d’Unificazione  

La partecipazione dei gruppi Spiritici è sempre volontaria e cosciente. Le attività sono realizzate a livello di uguaglianza, senza subordinati, rispettando e preservando il valore e le caratteristiche individuali di ogni partecipante, con l’autonomia e la libertà d’azione di cui usufruisce.

  • Rende il movimento Spiritico una forza sociale, nel senso spirituale e fraterno, ogni volta più utile ed efficiente per l’evoluzione umana.
  • Con lo scambio delle esperienze rende il movimento spiritico omogeneo ed efficace.
  • E’ efficace contro l’individualismo dei gruppi nel mezzo spiritico, facilitando lo sviluppo dell’umiltà e la rinuncia necessaria per la stabilità dei lavori collettivi per la convivenza armonica.
  • Preserva e assicura la purezza dottrinaria.